NUOVE NORME RELATIVE ALLA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

Il 1° marzo 2018 entreranno in vigore alcune novità introdotte dal Regolamento UE 2016/1179, il quale comporterà una variazione delle indicazioni di pericolo per diverse sostanze.

Il regolamento apporta modifiche relative alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio di sostanze e miscele presenti nel Regolamento (CE) CLP n.1272/2008. In particolare verranno introdotti nuovi limiti e nuove sostanze classificate pericolose per l’ambiente, come ad esempio l’ossido e l’idrossido di rame, per cui verranno ridefiniti i valori soglia per la determinazione  delle  caratteristiche di pericolo. 

Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, il Regolamento introduce nuove specifiche per l’attribuzione della caratteristica di pericolo HP14, sia sotto il profilo della classificazione con criteri ADR (come indicato nella Legge 125/2015) che secondo il Regolamento CLP n.1272/2008.

Inoltre dal 5 luglio 2018 entrerà in vigore il Reg. UE 997/2017 che modifica l’All. III della direttiva 2008/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, con il quale vengono stabiliti i metodi analitici da utilizzare ai fini dell’ attribuzione delle caratteristiche di pericolo HP14 Ecotossico.

Alla luce di quanto esposto e considerando la necessità di adeguamento dei paramenti di concentrazione di alcune sostanze, consigliamo ai produttori di rifiuti speciali di attivarsi per valutare la necessità di aggiornare la caratterizzazione dei propri rifiuti tenendo conto delle ultime novità introdotte dal Reg. UE 1179/2016, in quanto potrebbero variare alcune caratteristiche di pericolosità.

Si ricorda che ai fini del corretto smaltimento dei rifiuti, la caratterizzazione deve essere effettuata prima che il rifiuto venga allontanato dal luogo di produzione.

Siamo a disposizione per ogni chiarimento in merito.